Torna ai comunicati stampa

17 May 2017

Giornata mondiale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia

Giornata internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia

mercoledì 17 maggio 2017

ore 15

Palazzo della Regione FVG

 piazza Unità d'Italia 1

Sala Predonzani

 Trieste

 

Intervengono

Loredana Panariti, assessore alle Pari Opportunità, Regione Autonoma FVG

Antonella Nicosia, presidente Arcigay Arcobaleno Trieste e Gorizia

Davide Zotti, docente e responsabile del Progetto “A scuola per conoscerci”

 

Programma

15.30: proiezione film“Ernesto” di Salvatore Samperi

Italia-Spagna-Germania, 1978, col., 95’ - v.o. ita

con Martin Halm, Virna Lisi, Michele Placido e Turi Ferro

a cura di Trieste Film Festival - Alpe Adria Cinema

17.30 conclusioni con le associazioni dell'FVG Pride

 

nel progetto VARCARE LA FRONTIERA #4 flussi di marea

a cura di Mila Lazić e Massimiliano Schiozzi

promosso da associazione Cizerouno

sostenuto da Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

in collaborazione con Trieste Film Festival - Alpe Adria Cinema

 

 

 

Mercoledì 17 maggio, dalle 15 in poi alla Sala Predonzani del Palazzo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia di Trieste in piazza Unità d'Italia 1, si svolgerà La Giornata internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia con la proiezione del film “Ernesto” di Salvatore Samperi, tratto dall’omonimo romanzo di Umberto Saba, nell'ambito degli eventi promossi dall'FVG Pride.

La Giornata internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia è una ricorrenza promossa dall'Unione europea che si celebra dal 2004 il 17 maggio di ogni anno, e il cui obiettivo è di promuovere e coordinare eventi internazionali di sensibilizzazione e prevenzione per contrastare il fenomeno dell'omofobia, della bifobia e della transfobia.

 In attesa della grande parata dell'FVG Pride che invaderà pacificamente il centro storico di Udine sabato 10 giugno, si svolgerà a Trieste una giornata di riflessione sul tema dei diritti delle persone LGBTQI partendo proprio dal romanzo di Umberto Saba, scritto nel 1953 ma pubblicato postumo da Einaudi solo nel 1975, e dalla proiezione dell'omonimo film girato a Trieste.

Oltre all'assessore regionale al Lavoro, Formazione, Pari opportunità, Istruzione e Politiche giovanili Loredana Panariti, interverranno la presidentessa dell'Arcigay Arcobaleno Trieste Gorizia Antonella Nicosia e il professor  Davide Zotti nel merito del romanzo.

“Ernesto” di Umberto Saba è considerato uno dei romanzi a sfondo omoerotico più importanti della letteratura italiana. Sullo sfondo di una Trieste di fine secolo, il romanzo incompiuto “Ernesto” è rievocazione e descrizione di inquietudini adolescenziali.  Il protagonista è un ragazzo che vive con la madre e sotto la vigile tutela della zia; studia il violino, legge molto, ha qualche idea vagamente socialista e fa il praticante presso un venditore all'ingrosso di farina. La trama ruota intorno a diversi rapporti sentimentali e sessuali che portano Ernesto a una continua riscoperta di se stesso: il primo con un uomo più grande di lui, il secondo con una prostituta, e il terzo con un ragazzino più giovane.

Alle 15.30, grazie alla collaborazione con il Trieste Film Festival di Alpe Adria Cinema, verrà proiettato il film che è una produzione mista fra Italia, Spagna e Germania ed è diretto nel 1978 da Salvatore Samperi, con la sceneggiatura, fra gli altri, di Barbara Alberti.

Tra i suoi interpreti spiccano Martin Halm, Virna Lisi, Turi Ferro e Michele Placido, che proprio per il ruolo del facchino ha vinto l'Orso d'argento per il miglior attore al festival di Berlino.

Da segnalare, fra le altre curiosità, la presenza in un cameo del grande progettista navale triestino Carlo Sciarrelli, che aveva messo a disposizione della produzione il suo Bat sul quale, nel film, dà lezioni di vela ad Ernesto nella Sacchetta di Trieste.